ITA alfabeta2.it, Paolo Carradori (mar.2019)

La musica di Diodati non è mai banale, possiede un marcato, originale senso sfuggevole della forma, forma che poi offerta al talento improvvisativo di una super formazione prende strade diverse, si insinua in cento interstizi, si scompone in luminosi prismi per poi intrecciarsi in un dialogo polifonico. Una musica obliqua, che scorre su piani instabili, danzante, leggera, visionaria anche con angoli spigolosi. Questo secondo lavoro dei suoi Yellow Squeeds fa un grosso passo avanti rispetto alla sottolineatura degli aspetti creativi, degli equilibri, dei suoni del collettivo. La chitarra di Diodati, eccetto il breve solitario “Blue Dreams”, fa da impalcatura dell’intera architettura ma un ruolo decisivo lo gioca la brillante tuba di Benedetti che mantiene la musica come magicamente sospesa sopra una nuvola. Never The Same sembra guardare agli originali grovigli ritmici di Threadgill ma anche ai ritmi binari e gli aspetti più neri, colori quasi jungle, di Steve Coleman. Si avvale di musicisti di altissima capacità d’interazione da giocare nella trama collettiva come nelle esplosive uscite soliste: la tromba di Lento sempre più matura e saettante, le tastiere di Zanisi concreto e grande sognatore e la batteria di Morello sempre elegante, impeccabile in ogni soluzione su pelli e piatti.