ITA il Resto del Carlino (mary.2020)

Scar Let, ecco l’ultima creazione di Coppari: «Un colore doppio»

Nasce Scar Let, il nuovo album del chitarrista jesino Stefano Coppari. Scarlet è «un colore doppio, che racchiude eleganza ma anche passione ed energia. Il rosso scarlatto rappresenta passionalità, è il colore del sangue ma anche di tessuti molto pregiati» spiega il musicista protagonista dell’album realizzato con Nico Tangherlini (pianoforte), Lorenzo Scipioni (contrabbasso) e Jacopo Ausili (batteria). L’etichetta è la Auand Records. E questa doppia anima svelata dal titolo si può ritrovare anche all’interno della musica, con elementi più strettamente legati alla musica colta come la centralità del pianoforte, le frequenti sfumature dinamiche e una chiara vena melodica, che si intrecciano con l’imprevedibilità e l’inconsuetudine delle composizioni. «Con la vittoria al Jazz Festival Johnny Raducanu nel 2018 – spiega il chitarrista -la formazione ha maturato un suono il cui risultato va oltre la somma dei componenti. Non ci si è limitati a comporre e suonare. Ognuno ha apportato idee, arrangiamenti e stimoli su cui poi abbiamo potuto costruire un suono, in un percorso che ci ha portato a vivere questi questi brani e l’idea di band in modo molto efficace e produttivo». L’unico brano non originale del disco è proprio quello che ha segnato la loro svolta, «La Mouffe», una sorta di pietra miliare della band.