ITA Jazzit, Antonino Di Vita (may.2016)

Il brano introduttivo, Sunday Supermarket, cattura subito l’immaginazione con il suo incedere scomposto. Si apre così il secondo capitolo targato Travelers, il quartetto fondato dal bassista Matteo Bortone che si ripresenta con un lavoro denso e ricercato, in equilibrio tra astrattismo, parentesi introspettive e aperture melodiche, espandendo l’apparato timbrico con l’inserimento di basso elettrico, synth e clarinetto. In scaletta anche una versione mutante di House Of The Holy dei Led Zeppelin.