ITA Jazzit, Antonino Di Vita (sep.2015)

A scorrere i nomi dei dedicatari delle dieci tracce contenute in “Chaos Magnum” (titolo programmatico) di rivelano, in parte, le coordinate estetiche dei Forefront: Feldman, Ligeti, Cage, Berio, Stockhausen, Schoenberg, per citarne alcuni. Un quartetto (Jack D’Amico, Antonio Raia, Umberto Lepore, Marco Castaldo) che, al suo esordio discografico, realizza un lavoro coraggioso e di notevole spessore espressivo, che sovrappone musica classica, contemporanea e improvvisazione jazz in un mix destabilizzante.