ITA Jazzit, Eugenio Mirti (sep.2013)

Il disco di Graziano è dedicato alla ricerca sulle forme musicali, evitando quelle cicliche che costituiscono l’ossatura del jazz moderno (struttura AABA e affini); ne consegue che gli sviluppi sono particolarmente innovativi e contribuiscono a creare un disco originale. Tutte le composizioni sono a firma del leader, con due brani (Frontal e No Words At All) che propongono due improvvisazioni collettive, differenti per natura e sviluppo. Tre Spirali è emblematica dell’intero lavoro: un brano costruito con numerose parti differenti, che si alternano senza logica apparente; lunghi dialoghi tra i sax, raddoppi di tempo, momenti di assolo collettivo. Efficace anche Rock Song #2: basata sull’alternanza di una battuta 4/4 e 3/4, sviluppa un tema malinconico ed evocativo. Nel complesso si apprezzano sia le vibranti esecuzioni sia le composizioni, originali e ispirate.