ITA Jazzit, Luciano Vanni (nov.2011)

Paroxysmal Postural Vertigo è un disturbo all’udito sofferto da Walter Beltrami: come per esorcizzare questo malessere, il chitarrista, autore di tutte le composizioni del disco, ne ha messo in scena una ricostruzione musicale simbolica.
I dieci brani si configurano come perturbazioni sonore, schegge schizofreniche in perenne bilico tra i lirici silenzi di What Is e gli ipnotici e lisergici strappi sonori di BPPV. Affascinante l’idea di costruire un flusso costante di contrasti timbrici (sax – chitarra – violoncello) e di poderosi groove ritmici (basso elettrico – batteria) per rappresentare uno stato emozionale evidentemente inquieto e nervoso.