ITA magazineoltre.com, Silvia Bilenchi (sep.2017)

Mirko Signorile pianista pugliese conosciuto nella scena musicale jazz italiana ed estera. Marco Messina dei 99 Posse è musicista abile con gli strumenti elettronici. Insieme formano il duo elettro-jazz Messina Signorile. Ma cosa fanno insieme due artisti così diversi? Uno ai synth l’altro al pianoforte, insieme, esplorano nuove contaminazioni sonore superando i confini tra i generi musicali. Un connubio che crea atmosfere uniche, quasi da film.
“Banaba” è il nome del loro progetto. L’omonimo album è uscito il 6 maggio 2016 per Auand Family (con il supporto di Puglia Sounds e distribuito da Goodfellas/Believe).
Il disco è una miscela eterogenea ma coerente di suoni e voci. È stato realizzato, infatti, con la collaborazione di numerosi artisti di calibro internazionale: Ursula Rucker, Black Cracker, Erica Mou, Juliana Maruggi, Paolo Fresu e Vertere String Quartet. 11 brani elettro-jazz con numerose influenze. Solo per fare un esempio, il brano intitolato “Dust” ha un sound duro e inquieto, un po’ hip hop, cantato dal rapper Black Cracker. Il tappeto sonoro è arricchito dagli archi dei Vertere String Quartet e dal soavedolce suono del piano di Signorile.
La peculiarità del duo Messina Signorile e del loro sound risiede nell’accostamento di suoni e generi diversi che, uniti, danno vita una musica sperimentale, innovativa, libera dagli schemi consueti.
“Il nostro sound – ha detto M. Signorile – rispecchia l’idea di una musica libera, che s’ispira al mood del momento stesso del live e vuole essere definita oltre i confini di genere”. Il loro percorso insieme lì ha portati ad valicare il clichè per cui musica jazz e musica elettronica siano agli antipodi. “La nostra – ha sottolineato M.Messina – è una ricerca verso la libertà e l’abbattimento di ogni muro, il nostro sogno è che quest’attitudine si diffonda dalla musica a tutto il pianeta.