ITA Musica Jazz, Rosarita Crisafi (aug.2013)

Una bella conferma nel panorama jazzisti italiano. In questa nuova uscita discografica da leader, dopo l’ottimo “Lightwalls” d’esordio (del 2009, con Ares Tavolazzi al contrabbasso), Graziano si affaccia con autorevolezza sulla scena jazz internazionale con un quintetto d’eccezione dove spiccano i newyorkesi Binney e Speed, tra i più originali interpreti del sassofono contemporaneo.
E’ un concept album che rivela una struttura formale a spirale, figura ricorrente nelle articolate melodie delle composizioni e negli arrangiamenti del leader, che si espandono in progressive mutazioni e riservano all’ascolto continue sorprese. Graziano si esprime ad alti livelli soprattutto nella composizione, con una scrittura complessa e allo stesso tempo di grande lirismo, riservando ai solisti un terreno assai fertile per l’improvvisazione. Di certo è una delle migliori uscite discografiche di questa prima metà anno e meriterebbe un riconoscimento anche al di fuori dai confini nazionali.