ITA MusicaJazz.it, Luca Civelli (mar.2011)

Siete in cerca di un disco che riassuma molte tendenze del jazz contemporaneo? Sebbene registrato tra il 2008 e il 2009, “Newsreel” fa al caso vostro. La seconda opera di Ohad Talmor per l’Auand, etichetta che ha iniettato i colori nelle grafiche per celebrare il proprio decennale, è un “triangolo” con ai vertici bassi Moon (già in “Inventions”, condiviso da Talmor con il mentore Konitz) e Background Music di Wayne Marsh registrata con Konitz nel 1956 (“Lee Konitz with Wayne Marsh”). New York di Ornette Coleman è l’apex, il vertice alto. Si spiegano sui lati di questo “triangolo” il vissuto errante del leader e ritagli di storia americana: gli speech di Martin Luther King, l’ebraico delle comunità urbane, New York; in Tabla Suite, Star Spangled Banner anticipa dei colpi di fucile e un energico funky rock; Prokofiev spunta all’improvviso per poi scomparire. La scrittura del leader si attaglia perfettamente ai “programmi” delle note di copertina grazie anche al lavoro oculato di alcuni tra i migliori musicisti delle nuove generazioni (Shane Endsley e un millimetrico Dan Weiss su tutti). “Newsreel è una riflessione del mondo musicale nel quale vivo ogni giorno” e Talmor ha ragione.