ITA Rockerilla, Enrico Ramunni (nov.2015)

Il compositore e contrabbassista salentino Matteo Bortone si ripropone alla testa di un quartetto italo-francese (con le ance di Antonin Tri-Hoang, le chitarre di Francesco Diodati e la batteria di Ariel Tessier) con un complesso e variegato repertorio di brani originali, completato da una provocatoria versione della zeppeliniana Houses of the Holy. Un sassofono al contempo aereo e spigoloso, memore di Charlie Parker come di Dolphy e Braxton, si sposa con una ritmica a suo agio nello spaziare tra post bop, fusion, rock e folklore balcanico architettando soluzioni a tratti assorte e cameristiche, altrove energiche quando non addirittura fracassone, senza smarrire il senso della ricerca.
STIMOLANTE.