ITA soundcontest.com, Stefano Dentice (oct.2016)

Intriganti e tensive asperità armomiche che si intersecano in maniera alchemica con temi mai scipiti e idee ritmiche particolarmente brillanti. “Hardcore Chamber Music” è la nuova fatica discografica targata Manlio Maresca & Manual For Errors, interessante formazione costituita da Francesco Lento (tromba), Daniele Tittarelli (sax alto), Manlio Maresca (chitarra), Roberto Tarenzi (pianoforte), Matteo Bortone (contrabbasso), Enrico Morello (batteria) e l’ospite Domenico Sanna (piano elettrico e bass synth in Esercizi di Memoria – Summer Version). Gli undici brani che formano la tracklist sono frutto dell’ingegno compositivo del leader. In Esercizi di Memoria campeggia un alone velatamente enigmatico. Il playing architettato da Maresca è spigliato e altamente efficace. Domosinth è una composizione incalzante e carica di nerbo. Tarenzi dà vita a un eloquio torrenziale, imperlato da un erudito utilizzo dell’out playing. Il tandem Bortone-Morello tesse un costrutto ritmico assai stimolante e marcato volto a sobillare i solisti. L’incendiario brano up-tempo Authing Out coinvolge e contagia immediatamente l’ascoltatore. Qui Maresca pigia energicamente il pedale dell’acceleratore per snocciolare un fraseggio dirompente, sostenuto da un ottimo controllo dello strumento. “Hardcore Chamber Music” è un disco che suscita grande curiosità, ricco di accattivanti intrecci poliritmici, dal quale trasuda manifestamente una fisiologica impellenza di proporre materiale innovativo senza mai obliare completamente il prezioso retaggio del jazz di impronta afroamericana.