ITA strumentiemusica.com, Stefano Dentice (oct.2019)

Ipnotiche asperità armoniche di ottima fattura che creano uno stato di suspense, locupletate da un climax etereo. Dalia è la nuova opera discografica partorita dalla ferace meninge dell’interessantissima cantante e compositrice Sara Battaglini. Al suo fianco, in questa avventura, Federico Pierantoni (trombone) ed Enrico Ronzani (pianoforte), oltre all’ospite Stefano Senni (contrabbasso in Saint-Nicolas Trip e Love Makes Everyone Happy). Il CD comprende dieci composizioni originali scaturite dalla feconda materia grigia di Battaglini, Pierantoni e Ronzani. Il mood di La Dama Di Fango (Battaglini-Pierantoni) è particolarmente tensivo, magnetico. La cantante interpreta il brano con levità e ammaliante pathos comunicativo. Pull And Spring (Enrico Ronzani) inizia con un vamp assai accattivante. Qui la vocalist snocciola un vocalese adamantino, mentre Pierantoni e Ronzani intessono uno stimolante dialogo fortemente orientato in direzione free. Il bluesy mood di Tomato & Bacon (Battaglini-Pierantoni-Ronzani) è denso di fascino. Il trombonista architetta un discorso improvvisativo sinuoso, godibile, di grande appeal. In piena orbita contemporary jazz, Dalia è un album pregno di colori cangianti, che mantiene viva l’attenzione, soprattutto grazie a una concezione melodica e armonica tutt’altro che oleografica, bensì ricca di numerosi spunti estremamente interessanti.