ITA systemfailureb.altervista.org, Felice Monda (aug.2016)

Caterina Palazzi-Sudoku Killer è una band psychedelic/jazz/noise di Roma. La band è composta da Antonio Raia(sax tenore), Giacomo Ancillotto(chitarra), Caterina Palazzi(doublebass & compositions) e Maurizio Chiavaro(batteria). Infanticide è un loro lavoro del gennaio 2015 per Auand Records.
Infanticide è un lavoro alquanto complesso e variegato e lo vediamo subito dalla prima canzone dal titolo Sudoku Killer. Qui primeggia il sax di Antonio Raia con un inizio alquanto morbido. Poi la canzone si apre e mostra la sua struttura alquanto labirintica. La base jazz si fonde col noise rock e con l’alternative rock in modo sublime e alquanto agghiacciante.
Hitori comincia in modo lento e trasmette un qualcosa di sinistro ed inquietante. Infatti, Caterina Palazzi-Sudoku Killer nella sua musica offre tanto mistero, offre melodie alquanto enigmatiche. Nurikabe è profonda e poetica, altre costanti nella musica di Caterina Palazzi-Sudoku Killer. C’è anche tanta malinconia espressa nella musica di questa formazione romana.
Futoshiki è straziante all’inizio. Sembra una sorta di delirio lancinante. La musica di Caterina Palazzi-Sudoku Killer offre passione, offre tormento, travolge l’ascoltatore con le sue distorsioni e un dedalo di suoni solo apparentemente messi in modo confuso.
Infanticide è un diario di sensazioni procaci, è un diario di emozioni alquanto intense. Come non smarrirsi con la musica di Caterina Palazzi-Sudoku Killer, come non perdersi in un vortice sonoro alquanto ammaliante che questa formazione sa offrire. Anche Masyu ci porta ad ammirare un intreccio sonoro davvero in districabile.